Banche, i stipendi dei manager e la crisi..

 

banca(fonte: www.euroadvising.com)

L’Italia sta diventando odiosa!

Proprio l’altro giorno mi sono recato in diverse banche, per ottenere informazioni riguardo ad un determinato finanziamento per l’avvio di una attività commerciale.

Bè….Voi non ci crederete, ma alcune di queste hanno cominciato ad alzare i tassi di interesse sui finanziamenti con la scontata “giustificazione” che la situazione congiunturale è veramente difficile. Concordo sul fatto che la crisi ci sarà da qualche parte, ma questo “strozzinaggio” è veramente vergognoso. Ma come……Anzichè abbassare i tassi di interesse per incentivare gli investimenti, li aumentano?

Come già sappiamo, tutto è partito dalla crisi finanziaria Usa che le banche stesse hanno contribuito a creare. A mio avviso, la vera causa di questa crisi non è stata tanto la selvaggia “speculazione finanziaria”, senza regole, quanto più lo smisurato e incontrollato indebitamento della spesa pubblica americana, accumulatosi per fronte alle varie guerre dal 2001 ad oggi. Tale debito è stato “spalmato” sulla gente comune,  con le truffe che già conosciamo, e indirettamente ne paghiamo le conseguenze anche in Europa.

Certo è che le banche hanno già trovato il modo di riparare i danni arrecati a se stesse, ma non all’economia mondiale:

Farsi aiutare con le “nazionalizzazioni”, poi si vedrà….

A causa della criticità della situazione, all’estero alcune “nazionalizzazioni” sono  già avvenute in alcuni paesi, mentre qui si attende non si sa che cosa. A questo punto se in Italia le banche verranno aiutate dallo stato, l’idea originaria secondo cui ci stanno rifilando il solito “specchietto per le allodole” sarà evidente: niente di più semplice che giustificarsi con l’opinione pubblica insistendo che c’è una crisi “gravissima” in corso (tra l’altro da loro stessi provocata!) per ottenere incentivi o  aiuti dal governo. Se le banche fossero realmente in difficoltà, perchè allora non abbassare i stipendi dei manager, come annunciato da Obama per esempio?

In sintesi ci fregheranno due volte, nel primo caso per gli aiuti dallo stato, e lo stato siamo noi, nel secondo caso scaricheranno l’effetto “reale” sui tassi di interesse dei finanziamenti (non sto parlando di mutui!)  di cui vi parlavo.

A questo punto penso non ci sia niente da dire………….o forse sì!

Annunci

Economia Usa, interventi sulle banche e protezionismo

 

Vista la preoccupante situazione dell’economia mondiale,  il grande Presidente Obama ha cominciato a darsi da fare per quanto riguarda l’economia Usa. 

Uno dei primi provvedimenti riguarderà appunto il taglio degli “elevati” compensi dei dirigenti bancari, con l’imposizione di un taglio massimo oltre il quale non sarà possibile andare. 

Magari qui da noi una cosa del genere!   E non solo per le banche…

In secondo luogo, l’adozione di misure protezionistiche, per quanto riguarda i settori pesanti dell’acciaio e del ferro, provocherà non poche critiche da parte dell’Europa, che come al solito “rimane  spesso a guardare” su queste cose. 

Speriamo che l’Europa si svegli e cominci ad essere più compatta sia economicamente che politicamente..

Banca d’Italia – Gettito fiscale in aumento

 

Crisi qui, crisi là, le entrate dello stato, secondo La Banca d’Italia, sono in aumento. E a noi invece non aumenta un bel nulla!

Tanto se si è di sinistra o destra nessuno fa niente per l’economia del “popolo”…